Autoemoterapia – Terapia con Ozono

Dettagli

L’ozono è una molecola inorganica con 3 atomi di ossigeno (O3) scoperta nel 1865. Il suo nome deriva dal verbo greco ὄζειν, “puzzare”, a descrivere il suo caratteristico odore.
L’ozonoterapia rappresenta l’utilizzo dell’ozono a scopi terapeutici.
Presso l’ortho-bio-med è di frequente utilizzo l’autoemoterapia.

In cosa consiste l’autoemoterapia?
Autometerapia, consiste nell’iniettare al paziente per via endovenosa il sangue prelevato e successivamente ozonizzato.

Cosa provoca l’ozono nel sangue?
Il sangue venoso viene riossigenato. L’elasticità della parete del globulo rosso aumenta ed aumenta anche la sua capacità di legare l’ossigeno e distribuirlo ai tessuti. Il globulo rosso, più elastico e più ricco di ossigeno, arriva più facilmente nei capillari più piccoli, portando ossigeno in territori carenti o non più ossigenati in maniera diretta.
Questo determina un potente stimolo alla formazione di nuovi vasi sanguigni, condizione indispensabile per l’apporto delle sostanze utili per quel tessuto.
Si avrà un miglioramento della microcircolazione e dell’ossigenazione periferica.

Quali sono le indicazioni?
Visto il principio alla base del meccanismo d’azione dell’ozono, le indicazioni sono numerose:
Patologie dell’apparato circolatorio:

  • Arteriopatie, ulcere, ferite con difficoltà alla cicatrizzazione;
  • Coronaropatia arteriosclerotica, claudicatio
  • Sistema immunitario:
  • Afte, foruncolosi, epatiti, infezioni ricorrenti
  • Allergie, rinite, asma bronchiale
  • Patologie autoimmuni
  • Patologie degenerative:
  • Oncologia integrata (link)
  • Osteoporosi, Artrosi
  • Parkinson

Ci sono controindicazioni?
Il trattamento è assolutamente sicuro in quanto viene usato materiale monouso e non presenta nessuna controindicazione clinica.

Quante sedute sono necessarie?
Presso l’Ortho-Bio-Med, l’ozonoterapia viene sempre associata ad altre terapie. Il tutto personalizzato in base alla clinica e alle esigenze del paziente.

Riproduzione riservata – Orthobiomed 2016®